Le sedi

SEDE “G.PASCOLI” (CENTRALE)

La sede “Giovanni Pascoli” (già Scuola Media Statale di Fasano e Scuola Media Statale “G. Pascoli”) in Via Giovanni XXII 64 a Fasano è stata fondata negli anni ’50. Ha iniziato a funzionare come scuola unica dell’obbligo a partire dall’anno scolastico 1962/63. È situata nella zona nord della città in un quartiere con ampie zone di edilizia popolare.

Gli alunni provengono, oltre che da Fasano centro, anche dalle sue numerose frazioni: Fascianello, Sant’Elia, Carbonelli, Martucci, Lamascopone, Lamie d’Olimpia, Laureto, Selva di Fasano, Conca d’Oro, Sant’Oronzo. C’è, inoltre, la presenza di allievi provenienti dall’Istituto Sacro Cuore di Fasano, dall’Orfanotrofio Femminile del Canonico Latorre di Fasano, dalla Casa del Sole di Laureto e dall’estero. La sede usufruisce di ampi spazi, di aule grandi e luminose e di un grande giardino. Numerosi e ben attrezzati i laboratori:

  • Laboratorio linguistico
  • Laboratorio scientifico
  • Laboratorio musicale
  • Laboratorio informatico (2)
  • Laboratorio artistico
  • Laboratorio psicomotorio
  • Laboratorio ceramica
  • Aula TV
  • Aula Magna

Gli alunni possono, inoltre, usufruire di una palestra e di una biblioteca scolastica con migliaia di volumi.

SEDE “G.BIANCO”

La sede “Giacinto Bianco” in Largo Pitagora 3 a Fasano, intestata ad un famoso poeta e drammaturgo fasanese, é nata nell’a.s.1962/63 in seguito all’istituzione della Scuola Media unica per conversione della soppressa Scuola di Avviamento professionale.

La struttura ha avuto diversi ampliamenti in 3 differenti periodi  e, oltre ad avere aule normali, dispone di :

  • Laboratorio per la ceramica
  • Biblioteca Docenti ed Alunni con sala di lettura
  • Laboratorio di Informatica
  • Laboratorio Informatico Linguistico
  • Palestra coperta ed attrezzata
  • Sala audiovisivi
  • La dotazione dei sussidi didattici é completa e si è ultimamente arricchita con i finanziamenti ottenuti grazia ai vari progetti euroepi FESR.

La sede “G.Bianco”, inoltre, ospita il CPIA (Centro Provinciale Istruzione Adulti) che promuove una politica di accoglienza supportata da una didattica laboratoriale a forti spinte progettuali per far fronte alle esigenze sempre più specifiche dell’utenza: integrare le risorse scolastiche ed extrascolastiche per agire positivamente sui vincoli socioculturali della realtà di provenienza e della scarsità di prospettive occupazionali degli utenti e che si muove nella direzione della soddisfazione del bisogno degli adulti di una alfabetizzazione culturale e funzionale che, attraverso le acquisizioni delle abilità di base disciplinari specifiche, promuova in ogni corsista oltre al recupero del drop out scolastico, la consapevolezza di sé come soggetto di diritti e di doveri nonché della realtà sociale culturale di appartenenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *